Seguici

Andrea Agnelli: Conferenza stampa post assemblea degli azionisti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il discorso del presidente Agnelli all’assemblea degli azionisti Juventus: le parole del numero bianconero dall’Allianz Stadium

Si è tenuta stamattina, dalle ore 10 presso l’Allianz Stadium, l’assemblea degli azionisti Juventus in cui si è deliberato sul bilancio d’esercizio al 30 giugno 2019. Si è discusso inoltre dell'ormai famoso aumento di capitale da 300 milioni e dell’introduzione del voto maggiorato.

 

Andrea Agnelli prima della conferenza stampaL'Assemblea dei soci della Juventus si è iniziata con la conferenza del Presidente Andrea Agnelli, che ha parlato degli aspetti economici relativi al bilancio e all'aumento di capitale, e di quelli sportivi. Senza dubbi su Cristiano Ronaldo per il quale il Presidente da detto: "Spero vinca il Pallone d'Oro perché lo merita". Andrea Agnelli ha poi spiegato i passaggi che hanno portato alla decisione dell'aumento di capitale: “Il nostro riferimento sono le grandi realtà europee. I nostri competitor per la crescita economica sono il Manchester United  il Real Madrid, il Tottenham che hanno chiesto finanziamenti dai soci e dal mercato. Noi siamo una delle grandi realtà europee.  Oggi siamo un marchio globale. L'obiettivo del nuovo piano è far prosperare Juventus come brand moderno, innovativo ed iconico. La missione è lo sport al centro: vogliamo mantenere la leadership sportiva in Italia e competere sempre al più alto livello in Europa. Questo è un anno zero, la nostra missione è pensare in grande.

Dagli azionisti sono poi arrivate domande relative alla "Superlega" europea, tema sul quale il Presidente ha speso queste parole: "La Superlega non esiste. Non confondiamo le terminologie. Il tema è cercare un nuovo format delle competizioni, dal 2024. Serve un'armonizzazione dei calendari. Tutto sarà basato sulla meritocrazia sportiva, devono rimanere aperte a tutti le competizioni, chiunque deve poter sognare di partecipare, forte simbiosi con le leghe domestiche. Si vuole aumentare la partecipazione, più partite internazionali".

Non è mancato un riferimento agli investimenti della Juventus FC sul calcio femminile: "Il calcio femminile è un'opportunità. La partita allo Stadium con la Fiorentina, il Mondiale hanno enfatizzato il riflettore sul calcio femminile. Apre a nuovi mercati e a nuovi consumatori e noi dobbiamo farci trovare pronti a cogliere le opportunità del calcio femminile". Rispondendo poi alle domande degli azionisti, Andrea Agnelli ha confermato alcune delle voci in merito alla costruzione di uno stadio per la Juventus Women e per l'Under23: "Un nuovo impianto per Under 23 e donne è in animo della società, siamo consapevoli che realtà come queste debbano trovare strutture adatte nelle quali giocare. C'è uno studio in questa direzione".

Infine, il Presidente, nella sua relazione ha speso parole di ringraziamento particolari per Chiellini, Barzagli ed Allegri: "Un pensiero agli unici due calciatori che hanno ottenuto 8 scudetti consecutivi: Chiellini e Barzagli, grandissimi risultati. Un pensiero a Max Allegri determinante nella crescita della Juventus".

Di seguito, alcune delle dichiarazioni che sono state estratte dalla conferenza di Andrea Agnelli.

SALUTO

«Buongiorno e benvenuti. Abbiamo tardato l’inizio di qualche minuto anche a causa del tempo, in modo da permettere a tutti di partecipare a questa giornata. Ora un breve video di Juventus».

AUMENTO DI CAPITALE

«Oggi chiederemo a voi Azionisti di approvare un aumento di capitale da 300 milioni destinato al nostro piano di sviluppo 2019/2024. Sono numeri che sembrano enormi se confrontati alla realtà italiana, ma il nostro riferimento sono i grandi Club europei».

MODELLO JUVE IN ITALIA E IN EUROPA

«Possiamo affermare che la Juventus è la più grande società di calcio italiana, ma anche solo uno dei più grandi Club a livello europeo. Dobbiamo essere estremamente orgogliosi del nostro sviluppo e dei nostri tassi di crescita, ma dobbiamo tenere il passo con il resto d’Europa. Pendiamo il Manchester United, che negli ultimi anni ha chiesto risorse agli azionisti per 450 milioni di sterline, il Real Madrid nel marzo 2019 ha chiesto risorse per 600 milioni di Euro, il Tottenham ha rifinanziato il debito di 500 milioni di euro. Questi sono i numeri del mercato dei capitali che esistono nella nostra industria. Non si deve mai fare l’errore di paragonare le realtà italiane al nostro mercato di riferimento che è l’Europa. Il nostro livello di fatturato, escluse le plusvalenze, è il livello di fatturato che il Real aveva nel 2010 quando io ho assunto la presidenza. I tassi di crescita nostri sono stati maggiori di quelli del Real ma in questa crescita c’è ancora un gap che dobbiamo colmare».

ORGANIZZAZIONE SOCIETA’

«Questo è il nostro modello di gestione: tre responsabilità chiare e allocate, che devono lavorare in simbiosi per ottenere i risultati. Fabio Paratici, responsabile dell’area sport, che cura la nostra arrività sportiva, della squadra che scende in campo. Attività influenzata ovviamente anche dagli altri campi, sia che cadono sotto la responsabilità di Marco Re, che dalla capacità di generare risorse da investire nella squadra gestite da Giorgio Ricci».

NUOVI DIPENDENTI

«Abbiamo avuto in questi anni anche un forte impatto occupazionale sul territorio: poche aziende in Italia hanno assunto dipendenti quanti ne abbiamo assunti noi. A oggi lavorano in Juventus 885 persone, incluso il personale tesserato».

PERCORSO SUL CAMPO E RINGRAZIAMENTI

«Non posso non pensare poi al percorso sul campo di cui siamo orgogliosi. Il mio pensiero va a chi ha vinto gli otto scudetti di fila, il capitano Giorgio Chiellini e anche Andrea Barzagli. Ed anche a Max Allegri, determinante nella crescita della Juventus».

RANKING UEFA

«La nostra crescita è confermata dal nostro ranking UEFA: attualmente siamo quinti, ma abbiamo ragionevoli basi per pensare di arrivare al quarto posto».

SVILUPPO IMMOBILIARE

«Abbiamo destinato circa 400 milioni a investimenti diretti e indiretti per lo sviluppo immobiliare».

NUOVO LOGO

«Oggi il nostro nuovo logo è riconosciuto ovunque, nella sua valenza e nel coraggio che abbiamo avuto nel lanciarlo».

JUVENTUS WOMEN

«Abbiamo man mano ampliato il settore professionistico. Il settore delle donne, guidato dal miglior dirigente del calcio femminile, Stefano Braghin. Ha costruito una grande struttura. Non si tratta ancora professioniste ma sono gestite come tali. Squadra che ha vinto due scudetti e una coppa Italia con coach Guarino, che si merita un applauso. Si meritano un in bocca al lupo da parte di tutti noi perché domenica giocheranno la Supercoppa e speriamo di portare a casa quel trofeo».

JUVENTUS U23

«Importante per lo sviluppo della società è anche la nascita del settore dell’Under23».

CRISTIANO RONALDO

«Abbiamo attirato da noi il miglior giocatore al mondo. Mi auguro che Cristiano possa vincere il Pallone d’Oro, perché lo merita».

SOCIAL

«Stiamo diventato la squadra con il maggior numero di seguaci digitali, abbiamo 90 milioni di followers e un engagement medio al mese di 1.2 miliardi di interazioni».

NUOVE FRONTIERE DI TIFO

«Siamo diventati il quarto club per fan base a livello europeo; inoltre, il nostro nuovo ufficio a Hong Kong ci permetterà un’ulteriore crescita in quella parte del mondo».

INDUSTRY

«Viviamo in una industry molto complessa: abbiamo punti di forza straordinari ma dobbiamo lavorare anche sui punti di debolezza».

RICAVI

«Da quest’anno i nostri ricavi commerciali superano quelli dei diritti televisivi domestici: sono risultati che devono far ben sperare per il futuro».

AUDIENCE TELEVISIVA

«Deve fare riflettere l’audience televisiva europea: il calcio sta “invecchiando” come offerta di prodotto, che resta valida per le fasce di età superiori ai 35 anni».

ESPORTS

«Le nuove attività nel campo dell’intrattenimento, come gli esports, sono in fortissima crescita: su questi elementi si deve riflettere».

DIGITAL

«L’attività del digital è per noi strategica: è fondamentale mantenere una dimensione globale».

NUOVE GENERAZIONI

«Millennials e Generazione Z sono per noi importanti, e dovremo essere capaci di cogliere le opportunità del mercato, per esempio sulle piattaforme OTT».

CALCIO FEMMINILE

«Il calcio femminile è in grande crescita: lo confermano gli eventi come la partita all’Allianz Stadium dello scorso marzo e i recenti Mondiali. Dobbiamo farci trovare pronti a cogliere queste opportunità».

OBIETTIVO RAGGIUNTO

«Volevamo che Juventus diventasse un marchio globale, ed è un obiettivo raggiunto. La nostra visione è far prosperare Juventus come brand moderno, innovativo, iconico».

MISSIONE

«La missione, invece, è mantenere la leadership sportiva, consolidando i risultati economici e finanziari, e i risultati calcistici in Italia e in Europa».

COMMIATO

«L’obiettivo dell’aumento di capitale è un rafforzamento della Società: vogliamo pensare in grande, e raggiungere insieme nuovi traguardi. Fino alla Fine».

 

Di seguito, il video integrale della conferenza stampa. Buona visione e, «Grazie, Presidente!». #FinoAllaFine

 

Aggiungi commento