Seguici
  • Come iscriversi

    La procedura di iscrizione o di rinnovo iscrizione allo Juventus Club Lomagna è molto semplice e può essere effettuata in due modalità distinte: online, attraverso il nostro sito (consultate la sezione apposita in questa pagina), oppure recandovi presso la nostra sede. In entrambe i casi andrà compilato un modulo (nel caso di iscrizione online, il modulo sarà in formato elettronico, mentre nel caso di iscrizione presso la sede, in formato cartaceo) in tutte le sue parti e, contestualmente, andrà versata la quota di iscrizione prescelta, secondo le modalità indicate nella pagina di iscrizione.

    Nota: L'iscrizione si considera effettiva solo a partire dal momento della regolarizzazione della propria posizione (sia documentale che economica).

    Il modulo di iscrizione

    Come già scritto quì sopra, i moduli per l'iscrizione sono disponibili presso la sede dello Juventus Club Lomagna o, in alternativa e se siete in possesso di una stampante, vi sarà possibile scaricare il modulo per l'iscrizione in modo tale da poterlo stampare e compilare, così da poterlo consegnare in sede con già i vostri dati risparmiando tempo ed evitando attese. Per scaricare e stampare il modulo, proseguite come indicato quì di seguito: 

    1. Aprire il Modulo di iscrizione, cliccando quì
    2. Stampare e compilare il modulo in ogni sua parte, facendo riferimento alla guida visuale riportata di seguito in questo articolo.
    Se, per vostra comodità, preferite compilare il modulo di iscrizione al computer ed inviarlo via mail (senza, quindi, doverlo stampare o recarvi presso la sede per la compilazione), seguite le semplici istruzioni elencate quì di seguito (unica condizione, che abbiate il software Acrobat Reader installato sul vostro computer):
    • Scaricate il Modulo di iscrizione online, cliccando quì. Il modulo si aprirà in una nuova pagina.
    • Salvate il Modulo di iscrizione online sul vostro PC, cliccando sul simbolo evidenziato nell'immagine seguente (cerchiato in rosso):

    moduloheader 

    • Facendo doppio click sul file appena scaricato sul vostro computer, lo stesso si aprirà in Acrobat Reader. Inserite i dati richiesti in corrispondenza dei campi evidenziati in azzurro, seguendo la guida presente più avanti in questo articolo, facendo attenzione a fornire tutti i dati richiesti
    • Arrivati in fondo al modulo, apponete la vostra firma seguendo queste istruzioni:
      • fate click sulla X posta sotto la scritta Firma del socio (o del genitore, in caso di iscrizione di un minorenne). Vedrete il cursore lampeggiare a fianco del segnaposto della firma

    firmaiscritto

    • Cliccate sull'immagine raffigurante un pennino, posta nella parte in alto a destra della barra degli strumenti (evidenziata in rosso nell'immagine seguente)

    iscrizionepennino

    • Si apre un menu con la voce Aggiungi Firma (Add signature nell'immagine seguente):

    iscrizioneinseriscifirma

    • Appare una finestra per l'inserimento della firma

    iscrizioneinserimentofirma

    • Seguite i seguenti passi:
      1. Verificate che la selezione sia su "digita" (Type nell'immagine)
      2. Digitate il vostro nome e cognome
      3. Cliccate su Cambia stile (Change style nell'immagine), se quello proposto non vi aggrada
      4. Accertatevi che l'opzione Salva firma (Save signature nell'immagine) sia spuntata
      5. Cliccate su Applica (Apply nel'immagine) per salvare la firma
    • Completata l'operazione precedente, verrà ripresentato il modulo di iscrizione con la firma appena inserita che si sposterà allo spostarsi del mouse. Posizionatevi con la firma in corrispondenza dello spazio previsto per la firma del socio e fate click per apporre la firma appena inserita.

    iscrizionefirmaposizione 

     

    Istruzioni per la corretta compilazione del modulo di iscrizione

    modulo front

    modulo back

    Iscrizione online

    Oltre che alla modalità di iscrizione tradizionale, dal sito è possibile procedere all'iscrizione online. A questa pagina è presente un modulo di iscrizione in formato elettronico che, compilato secondo le stesse regole proposte qui sopra, consentirà di inviare la vostra richiesta di iscrizione direttamente al Club e vi consentirà di pagare la quota associativa prevista, maggiorata di € 1,00 per commissioni. Durante il processo di iscrizione online, vi sarà possibile richiedere la spedizione del gadget (se previsto) e della tessera del Club, con un costo aggiuntivo di € 7,00 (raccomandata A/R). 

    NOTA BENE:

    • L'informativa sulla privacy è scaricabile a questo link. Con la compilazione e firma del modulo di iscrizione, l'informativa privacy si intende letta ed approvata.
    • Ogni iscritto dovrà disporre di una propria casella di posta elettronica. Non sono consentite iscrizioni multiple facenti capo ad un unico indirizzo e-mail ad eccezione di iscrizioni che riguardino minori al di sotto dei 12 anni.
    • Le iscrizioni (o il versamento della quota associativa, nel caso di compilazione del modulo di iscrizione online) potranno avvenire a partire da sabato 21 settembre 2019 e fino al 31 gennaio 2020, con le seguenti modalità:
      • in corrispondenza delle partite della Juventus F.C., siano esse di campionato o UCL, a partire da due ore prima dell'inizio dell'incontro e fino a 30 minuti prima dell'inizio dell'incontro stesso;
      • ogni giorno, ad eccezione del lunedì, dalle ore 15:00 alle ore 17:00.
    • Per ogni ulteriore informazione, contattateci all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • E dopo #W8NDERFUL?

    Qualche pensiero in libertà sulla Serie A TIM, dopo l'ottavo scudetto consecutivo o, più semplicemente, #W8NDERFUL.

    Probabilmente, la portata di ciò che sta accadendo in questi ultimi anni, non lo stiamo ancora comprendendo appieno. Con quest'anno, la Juventus è arrivata ad un totale di 37 scudetti, 8 dei quali consecutivi. In questa particolare classifica, il primo inseguitore è il Milan, fermo a 18 scudetti (meno della metà del bottino Juventino) mentre, se guardiamo ai titoli consecutivi, ci si ferma ai 5 vinti dalla stessa Juventus tra il 1930 ed il 1935 (in fondo, "solo" 80 anni fa') e dal Grande Torino tra il 1942 ed il 1949 (serie interrotta, probabilmente, solo dalla tragedia di Superga, della quale domani ricorre l'anniversario).
    E se volessimo estendere la nostra ricerca anche ai 5 maggiori campionati europei, sarebbe record comunque, dato che l'Olympique Lyonnaise ha interrotto la propria serie a 7, vinti tra il 2001 ed il 2008. Continuando di questo passo, si corre il rischio di diventare un punto di riferimento per qualsiasi campionato calcistico a livello mondiale, anche quelli nei quali si gioca con una palla fatta di stracci.

    Più che noi tifosi juventini, che siamo ancora troppo impegnati a digerire l'uscita dalla Champions League contro l'Ajax, ciò che davvero mi stupisce è che nessuno tra i rivali della Juventus sembri rendersene conto (più che rivali di tifo mi riferisco alle società impegnate nel campionato di Serie A, perché pensare che un tifoso avversario prenda consapevolezza di cosa ha fatto la Juventus in questi ultimi anni è davvero chiedere troppo). Perché se si pensa allo svantaggio accumulato dalla Juventus nei confronti delle dirette concorrenti, dopo Farsopoli (e quì parliamo di nemmeno 15 anni fa', non della preistoria) e si guarda a cosa ha saputo relizzare in questi anni, è impossibile non notare il divario creato, che difficilmente qualcuno saprà colmare nel breve periodo e che, anzi, probabilmente crescerà ancora, mentre le rilvali impiegheranno il loro tempo tra le varie discussioni sui favori ricevuti o negati (a seconda dei colori, dei mani volontari e involontari, del VAR), dei fatturati o della composizione degli anticipi e posticipi.  

    Se lasciamo spazio alla matematica, fredda quanto si vuole, ma che non si piega alle interpretazioni di nessuno, il quadro che emerge da questi ultimi 8 campionati è significativo: le antagoniste più accreditate (dagli addetti ai lavori e dagli abitudinari proclami d'agosto) hanno accumulato mediamente ritardi che vanno da 15 a 30 punti (ovviamente, essendo il campionato corrente ancora in corso, i dati non sono finali):

    Squadra 2011/12 2012/13 2013/14 2014/15 2015/16 2016/17 2017/18 2018/19 Totale Differenza Media annuale
    Juventus 84 87 102 87 91 91 95 88 725    
    Napoli 61 78 78 63 82 86 91 67 606 -119 -14,8
    Roma 56 62 84 70 80 87 77 58 574 -151 -18,8
    Milan 80 72 57 54 57 63 64 56 503 -222 -27,7
    Lazio 62 61 56 69 54 70 72 52 496 -229 -28,6
    Inter 58 54 60 55 67 62 72 61 489 -236 -29,5

    Numeri alla mano, i distacchi si stanno riproponendo anche nel campionato corrente con uguale e preoccupante puntualità e precisione: l'Inter, che a detta degli addetti ai lavori e del suo neo-presidente Zhang avrebbe dovuto iniziale una sorta di conquista del mondo ("Schiacceremo tutti, dentro e fuori dal campo!"), ha accumulato anche nel campionato 2018/19 un ritardo di 27 punti (dato aggiornato al 3/5/2019).

    Numeri che non cambiano se, indipendentemente dalla seconda classificata negli 8 campionati analizzati, andassimo ad analizzare la media dei punti di distacco accumulati dalla prima inseguitrice: avremmo una media di 11 punti di distacco!

    Se nemmeno questi numeri sono in grado di far sorgere qualche domanda a chi la Serie A la vive da protagonista, continuando a farla vivacchiare in una situazione dove una società che ha saputo rinnovare ed innovare sta facendo piazza pulita di trofei ed introiti, allora la situazione non è allegra per nessuno. Se Inter, Milan (per storia, numero di tifosi e capacità economica), Roma e Napoli (che per la prima volta nella loro storia si sono trovate ai vertici della classifica per un periodo così prolungato) dedicano le loro energie a fare gli struzzi anzichè approfittare dell'esempio e cogliere le opportunità di ricavi e di crescita che questo comporta, accontentandosi di fare da comparsa, allora il dominio bianconero è destinato a durare ancora a lungo. Con buona pace del campionato di calcio italiano.

    L'Inter, che forse è la meglio posizionata dopo l'ingresso in società dei cinesi, ha delapidato un patrimonio immenso negli anni immediatamente successivi il 2010, in piena era morattiana che dell'ubriacatura da successo (e conseguente immobilismo spacciato per troppo amore) si è fatto paladino. Le due squadre di Roma stanno viaggiando più o meno a vista e, se questo è (con qualche sforzo) comprensibile per la Lazio, per la Roma a stelle e striscie è difficile non parlare di fallimento di un progetto. Le restrizioni del Fair Play Finanziario e i vari pasticci all'italiana verificatisi nella capitale (non ultima la questione stadio), sembrano aver raffreddato gli animi di Pallotta, proprio negli anni in cui, paradossalmente, la sua squadra avrebbe dovuto crescere di più. Il Napoli, encomiabile e sempre attento alla sostenibilità aziendale, non ricordo aver mai dato segnali o volontà di investimento. Al contrario, spesso e volentieri De Laurentiis sembra proprio disinteressarsene. Ultimo, ma non per ultimo, il Milan che, rimasto orfano di Berlusconi (tralasciando la parentesi Yonghong Li) e passato in un modo o nell'altro nelle mani del fondo Elliott, ancora non si capisce quale business plan abbia. Per non parlare delle grane con la UEFA.

    Come nel più tradizionale modo di pensare italico, meglio concentrarsi sulle colpe (altrui) o i torti subiti che sui meriti (sempre degli altri). E allora si andrà avanti all'infinito con la litania dei rigori non dati o dati (questo a seconda dei colori coinvolti nella discussione), a parlare di VAR e fuorigioco millimetrici, agli orari delle partite, ai fatturati e chi più ne ha, più ne metta. Perché riconoscere i meriti, non è cosa che fa' per noi, molto più comodo trovare un colpevole.
    Fino a quando la squadra (o meglio, la società) che sta trainando l'intera Serie A, nonostante quest'ultima sia molto spesso solo un generatore di caos (qualcuno ricorda la gestione folle dei diritti televisivi ad inizio campionato? O la gestione dilettantesca della serie B?) inizierà a porsi essa stessa qualche domanda.
    Ma forse tutto questo verrà anticipato dall'ECA che pianifica, per il 2024, la definitiva smobilitazione dei campionati nazionali. 
    Ma anche allora, immagino, ci sarà qualcuno pronto a trovare il colpevole in quei colori bianconeri, rei di aver fatto perdere di interesse quello che una volta era considerato il campionato più bello del mondo.
  • Informazioni generali

    L’Associazione Juventus Club Lomagna, nasce dalla volontà di un gruppo di persone con la stessa passione per i colori bianconeri, di costituire un associazione senza scopo di lucro con l'intento di promuovere, organizzare e sviluppare servizi a favore dei tifosi della società sportiva Juventus F.C., nel rispetto delle norme di educazione civica e dell’etica sportiva.

    A seguito di una riunione tenutasi il 13 settembre 2012 presso il Bar Maress di Giovanni Fumagalli, nasce così lo Juventus Club Lomagna (JCL), nel cui primo verbale si legge:

    Verbale n. 01

    Il giorno 13 settembre 2012 alle ore 22.30 presso la sede dello Juventus
    Club Lomagna, Via Milano 32 in Lomagna (LC) , a seguito della
    costituzione dello Juventus Club Lomagna avvenuta il giorno stesso alle ore
    21.00, si è tenuta l’assemblea ordinaria aperta a tutti gli associati con il
    seguente ordine del giorno:
    - nomina Consiglio direttivo
    Assume la presidenza l’assemblea, [omissis], che, accertata la
    presenza legale degli associati, soci fondatori, avuto la conferma che sono
    informati sugli argomenti all’ordine del giorno, apre la discussione.
    L’Assemblea approva la lista dei candidati ed elegge il nuovo consiglio
    direttivo composto da: Zuccalli Roberto, [omissis], [omissis], [omissis],
    [omissis],[omissis], [omissis].
    Zuccalli Roberto è eletto presidente, [omissis] vicepresidente e [omissis] segretario,
    [omissis] tesoriere.
    L’Assemblea nomina i revisori dei conti nelle persone di [omissis],[omissis], [omissis].
    L’assemblea si chiude alle ore 23.00.

    Il segretario                                             Il Presidente
    [omissis]                                                 Roberto Zuccalli


    Data la volontà di mantenere una quota associativa a livelli popolari, la decisione presa al momento della costituzione del club, è stata di non espletare le formalità necessarie al riconoscimento ufficiale.
    Ciò nonostante e grazie all'impegno costante dei componenti del proprio Direttivo, la decisione di non costituire un Fan Club DOC non ha limitato le capacità operative del JCL che, ad oggi, è riuscito ad accontentare nella quasi totalità le richieste di biglietti per i propri tesserati, per assistere alle partite casalinghe della Juventus F.C. all'Allianz Stadium, così come non ha limitato la capacità di erogare vari servizi, trattati più in dettagio nella sezione apposita di questo sito (menu Servizi).

    Impegno costante che non è mai venuto meno e che, allo lo scopo di coinvolgere il maggior numero possibile di sostenitrici e sostenitori e renderli partecipi delle iniziative del club, a partire dalla stagione calcistica corrente (2019/2020), ci ha portati alla decisione di dare maggiore visibilità a Club stesso, attraverso la creazione di profili sui maggiori social network e la realizzazione di questo sito internet oltre a nuove iniziative che verranno messe in atto a partire dai prossimi mesi.


    Lo Juventus Club Lomagna risulta, ad oggi, essere presente su:

    oltre che sul Web, attraverso questo sito.

     


    Lo Juventus Club Lomagna ha sede presso il Caffè Maress di Fumagalli Giovanni, in Via Milano, 28 a Lomagna (LC), locale presso il quale è possibile assistere su maxischermo e non, a tutte le partite relative al campionato di Serie A TIM e UEFA Champions League, della Juventus F.C.

    La visione di altre partite o eventi sportivi è subordinata alla disponibilità del titolare del locale.

    A tal proposito si ricorda che la visione delle partite presso il Caffè Maress non è subordinata all'associazione allo Juventus Club Lomagna.

    In concomitanza con alcune partite della Juventus F.C., il Club, in collaborazione con il titolare del Caffè Maress, propone iniziative di carattere gastronomico, che vengono pubblicizzate sia sul presente sito, nell'apposita sezione Notizie dal Club,  che sui canali social elencati in precedenza.

    Il Caffè Maress osserva il turno di riposo settimanale nella giornata di lunedì, salvo eccezioni che verranno comunicate sul sito.


    Per contattarci, potete passare presso la sede (lunedì escluso) o utilizzare i riferimenti riportati in questo sito che, per comodità, vengono riportati anche qui di seguito:

    • Telefonicamente:
      • dal martedì al venerdì, dalle 16:00 alle 18:00 al numero 039 5300550
    • Via mail:
      • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    • WhatsApp
      • E' in progetto l'attivazione di tale servizio, i cui dettagli verranno forniti su questa pagina
    • Sui canali social indicati in precedenza
    • Questo sito
      • Attraverso la pagina Contatti


    Inoltre, in concomitanza con gli eventi sportivi della Juventus F.C., troverete sempre qualche membro del direttivo del Club presso la sede.


    Iscrivendovi allo Juventus Club Lomagna, avrete al vostro fianco la nostra competenza e disponibilità nel rispondere alla vostra esigenza, oltre che un gruppo di persone con le quali condividere la vostra passione in bianco e nero.

    Quale che sia la vostra necessità, dal portare la famiglia allo stadio alla visita al JMuseum, noi probabilmente l'abbiamo già affrontata e faremo del nostro meglio per aiutarvi nel realizzarla.

    Il tesseramento allo Juventus Club Lomagna vi da' inoltre la possibilità di richiedere i biglietti per le partite in programma all'Allianz Stadium, oltre che sottoscrivere la Juventus Card (ex Tessera del Tifoso), sottoscrivere una delle membership cards previste dalla Juventus F.C., usufruire delle aventuali trasferte organizzate dal Club a prezzi vantaggiosi. Inoltre, attraverso l'iscrizione al Club, è possibile l'acquisto delle maglie ufficiali (personalizzate) e dei gadget ufficiali Juventus F.C. con sconti dedicati.
     
    Quelli elencati qui sono solo alcuni dei vantaggi dell'iscriversi allo Juventus Club Lomagna. Per maggiori dettagli, contattateci attraverso le funzioni di questo sito oppure attraverso uno dei canali indicati qui di seguito o, ancora meglio, veniteci a trovare presso la sede.

    Per ulteriori informazioni sul tesseramento al Club, consultate la pagina dedicata.

    A questo punto è doveroso spendere qualche parola per chi, in prima persona, ha fortemente voluto realizzare lo Juventus Club Lomagna, ricoprendone la carica di primo Presidente e che oggi non è più con noi.

    Cercare di raccontare Roberto a chi non lo ha vissuto è difficile: Roberto era una persona da vivere, non da raccontare.

    Abbiamo quindi optato per la pubblicazione dell'articolo dedicato a Roberto, nel settembre del 2017, da merateonline.it.

    Roberto Zuccalli

    Aveva 71 anni e tanto del suo tempo lo aveva dedicato alle attività di volontariato, per la maggior parte delle quali svolgeva un ruolo fondamentale. Un volontario tutto d'un pezzo, Roberto Zuccalli. Si è spento nella giornata di giovedì 21 settembre. Abitava a Lomagna, in via Pascoli, insieme alla moglie Rosella ed era da tempo malato. L'affetto dei suoi cari, dei figli Andrea e Silvia, delle tante persone che lo avevano conosciuto e che lo apprezzavano, lo hanno sorretto fino a questi giorni, insieme alla sua incredibile tenacia. "Basti pensare che appena qualche settimana fa eravamo andati a vedere la prima partita di campionato della Juventus, non si è mai arreso alla malattia" ha raccontato l'amico Carlo Cerato, segretario dello Juventus Club lomagnese che insieme avevano fondato nel 2012. L'ultima sua "creatura". Aveva sempre alternato il lavoro di titolare di un'agenzia di assicurazione con sede a Lomagna al suo impegno verso il sociale. Nel 1986 Zuccalli fondò con alcuni conoscenti l'associazione Volontari del Soccorso di Merate, diventata poi Croce Bianca, della quale fu anche presidente dal '95 al 2001. In paese è poi ricordato per essere stato il presidente dell'AC Lomagna, dal 1980 al '96. "A prescindere dall'amicizia personale che ci legava, posso dire che Roberto era davvero un vulcano pieno di idee e iniziative - ha proseguito il dottor Cerato - Si è sempre prodigato nel sociale perché amava aiutare il prossimo. Per fare un esempio, per lui lo Juventus Club non era semplicemente un sodalizio mirato al tifo, dedicato solo alla squadra. L'importante, per lui, era creare momenti di aggregazione, trovare il modo per stare insieme. Questo era il suo spirito di base". L'amico Cerato lo ha ricordato anche tra gli iscritti all'Associazione Pensionati di Lomagna, nonché volontario degli Alpini.



    Il nostro invito è di visitare il nostro sito e, soprattutto, di entrare a fare parte di questa bellissima realtà tesserandovi.

    E, #FinoAllaFine, Forza Juve!

  • Segreteria JCL

    c/o Cafè Maress - Via Milano, 28
  • Solidarietà digitale

    È arrivata la solidarietà digitale!

    Grandi imprese e grandi gruppi, sul sito del Governo, hanno messo a disposizione servizi gratuiti per aiutarci in questo momento difficile in cui è bene rimanere a casa